Il viaggio in Magreb

Alberti rimase sempre profondamente in sintonia con la cultura francese per la quale il rapporto con i Paesi del Nord Africa, con la cultura musulmana costituisce un passaggio formativo quasi obbligato, affrontato come esperienza etica.

A Pontigny Guglielmo aveva stretto amicizia anche con Jacques Heurgon etruscologo poi famoso che viveva e insegnava ad Algeri, con il quale progetta e organizza il viaggio del ’34.
Intraprendere il viaggio in Maghreb vuole dire dimostrare a se stesso e a quelli che ha scelto come suoi interlocutori privilegiati nel suo percorso di auto formazione, di essere capace di sentire gli elementi che caratterizzano quella cultura fino ad allora a lui nota solo attraverso la letteratura e ad allo stesso tempo scoprire un rapporto con una natura nuova.

E adesso l’Africa. Vecchio mio, non ti dirò che questo: passo il tempo ad assaporare i miei ricordi… Ogni piccola immagine mi riallaccia all’istante in cui avevo tentato di catturare la bellezza fugace, mi riconduce a quella beatitudine immensa, a quella esaltazione così calma e appagante che mi ha propriamente condotto/portato, come si dice dello spirito, che era ‘portato dalle acque’… di quei dieci giorni nel deserto non sopravvive in me che questo sentimento di pienezza ineguagliata. La sera a El Oued, la pace del cielo si dispiegava su tutte le cose, immensa e benedicente… da molto tempo gli dei non mi avevano concesso una tregua così profonda, da molto tempo non avevo sentito lo spirito più chiaro e più leggero”.
(G. Alberti, da una lettera a Jacques Heurgon, Gressoney Saint Jean, 27 luglio 1934)

1
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
2
20
21
22
23
24
25
26
3
4
5
6
7
8
9
Img10
Img4
Img5
Img6
Img7
Img8
Img9
Img945
Img946
Img947

Log in